La postura corretta durante il sonno

Una buona postura durante il sonno è essenziale, tantissime persone però assumono posizioni sbagliate e quindi riposano e dormono male con ripercussioni sulla salute e sulla qualità della vita.

 

Spesso ci si alza di cattivo umore dando spesso colpa al materasso, questo è vero in parte (il materasso andrebbe cambiato ogni 7/8 anni oppure dopo un cambiamento fisico importante), un'altra causa è la posizione che assumiamo durante il sonno.

Una cattiva postura può scatenare vari dolori come mal di schiena, bruciore di stomaco, fatica e anche spiacevoli apnee.

 

Le posizioni che più influiscono negativamente sono:

  • dormire proni. Costringe il corpo ad una rotazione non naturale del collo, con conseguenze ovvie sulla cervicale.
  • dormire supini con le braccia sopra la testa. Genera una pressione maggiore sui nervi della parte alta della schiena, di conseguenza avremmo dolori alla cervicale.
  • dormire in posizione fetale (la più diffusa). L'assenza di supporto al collo e alla colonna vertebrale causa dolori agli stessi.

La posizione migliore per chi non ha problemi di schiena o cervicale è riposare supini con le braccia lungo i fianchi, magari mettendo un cuscino basso sotto le ginocchia per aiutare la zona lombare.

Invece se si soffre di mal di schiena o cervicale, innanzitutto sarebbe utile usare un buon supporto per il collo (guanciale adeguato) che aiuti a mantenere in linea la testa con la spina dorsale, e girarsi sul fianco a ginocchia unite sempre per aiutare la zona lombare.

 

All'inizio non sarà facile abituarsi ad una posizione diversa, ma con il tempo si avranno positivi risultati che aiuteranno in questa impresa, soprattutto perché una volta addormentati, inconsciamente si tenderà ad assumere la posizione abituale scorretta.

Un'altra considerazione da fare, oltre che porre attenzione al guanciale e alla postura, è valutare il materasso.

Non deve avere cedimenti o irregolarità; sarebbe buona regola sostituirlo ogni 7/8 anni.

Scegliere il materasso o il guanciale che accompagnerà le nostre notti non è facile, solitamente ci si affida al venditore.

La buona regola è che deve mantenere un assetto il più possibile allineato (dritto) in caso di posizione sul lato, il naso deve essere in linea con lo sterno e il resto a seguire.

Quindi, non è necessario un materasso duro e poco confortevole, ma è utile invece un sostegno graduale e differenziato nelle varie zone che aiuti la schiena a mantenersi dritta facendoci rilassare. 

 

Scrivi commento

Commenti: 0